Reading Time: 3 minutes

Due anni dopo torna alle origini la sua missione “Volare” sulla ISS, il Maggiore dell’Aeronautica Militare Luca Parmitano. L’astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha tenuto una conferenza sulla “Dimensione Spaziale” presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, Napoli il 13 maggio 2015.

L’emozione nei giorni successivi all’annuncio che sarebbe stato a Napoli come ospite per un incontro privato, è stata completamente ripagata. Infatti, EUROAVIA Napoli “Umberto Nobile” ha avuto il grande piacere di essere invitato dall’Accademia Aeronautica a questa gradita opportunità.

Luca Parmitano ha frequentato l’Accademia dal 1995 al 2005 partecipando al corso SPARVIERO IV e il motivo della sua visita a cadetti e studenti civili è stata la volontà di condividere con noi la sua magnifica esperienza nello spazio. Il nome della missione dell’Agenzia Spaziale Italiana (ISA), “Volare”, che significa “volare” in italiano, suggerisce la ricerca di nuove frontiere e opportunità di scoperta mentre il logo della missione è stato scelto perché contiene molti elementi della missione di Major: il La navicella Soyuz, la ISS ei colori della bandiera italiana.
Il Maggiore, inoltre, è stato il primo italiano ad avere una “Extra Vehicular Activity” (EVA) dall’ISS e questo evento ha espresso appieno la migliore identità dell’Aeronautica Militare e l’eccellenza in campo aerospaziale dell’Accademia.

Ha introdotto il suo discorso concentrandosi su tre parole che considerava essenziali durante il suo soggiorno sulla ISS e il lavoro quotidiano: scienza, tecnologia ed esplorazione. Ha detto che la conoscenza scientifica è un leitmotiv per una missione spaziale e, in generale, per tutte le attività in campo aerospaziale. Tuttavia, senza alcun dubbio, lo sviluppo e il miglioramento tecnologico spingono e sollecitano la ricerca. 

Oggi, ha spiegato, questi due aspetti non bastano se non sono legati tra loro dalla voglia di superare i nostri confini. Da qui la necessità di esplorare e fare esperienza nell’opportunità unica che la vita ci offre. Dopotutto, ha detto che lo spazio è la naturale estensione dell’ambiente operativo dell’Aeronautica Militare in cui opera. Tutto questo, ha affermato, ha reso la sua esperienza incredibile.

Dopo questa breve introduzione, si è concentrato sul fulcro dell’incontro. Tanti gli argomenti e le spiegazioni fornite dall’astronauta su tutti gli aspetti del suo periodo lontano dalla Terra: dal momento del lancio all’appuntamento dello shuttle e dalla vita quotidiana sulla ISS al rientro.
È stato molto interessante e piacevole ascoltare molti aneddoti e atti di buona fortuna. Una storia divertente, ad esempio, riguardava gli astronauti che fanno pipì a metà strada verso la loro navicella spaziale. Sembra che Jurij Gagarin lo abbia fatto per la prima volta e da quel momento tutti ripetono quel gesto propiziatorio a modo di “Non ci crediamo ma è vero”.

Al di là di questi fatti, il Maggiore Parmitano è stato estremamente chiaro nello spiegare le attività di ricerca sulla ISS e gli imprevisti problemi tecnici che a volte devono affrontare un astronauta. Infatti, il suo casco si è riempito d’acqua durante la seconda EVA prevista a causa di un danno alla tuta, che permette agli astronauti di avere un confortevole calore del sangue. Naturalmente, l’EVA è stata interrotta quando l’acqua si è alzata e si è attaccata al suo viso causando difficoltà nella respirazione e nella vista.

Alla fine della conferenza i partecipanti hanno soddisfatto le loro curiosità e domande e quando uno studente ha chiesto a Major “Un sogno della tua vita si avvera con la missione?” ha risposto: “Un sogno è qualcosa che è impossibile da realizzare. Sono stato scelto dall’ASI per realizzare un progetto non un sogno e voi, studenti, dovete lavorare sodo per essere abili e realizzare la nostra missione futura”. Perciò, tirati giù!”

Armati di questa lezione non ci resta che attendere il racconto di un altro astronauta che ha studiato all’Accademia Aeronautica di Pozzuoli. Si chiama Samantha Cristoforetti e confidiamo tutti di incontrarla presto.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Help us by making a donation to our International event!
For donations greater than 10€, you will have a special gadget!

X